Recensione “Il fiore di Parigi”

Parigi, 1929. Simone è una ragazza curiosa, vivace e intelligente, e ha un grande sogno: diventare una scrittrice. Nonostante il parere contrario della famiglia, soprattutto del padre, severo e tradizionalista, Simone dopo il liceo si iscrive all’Università. Sono anni decisivi per lei, di studi letterari, di amicizie profonde e di incontri importanti. Ed è proprio nelle aule dell’École Normale Supérieure che Simone conosce l’uomo destinato a diventare il suo compagno di vita: Jean-Paul Sartre, di poco più grande di lei, apprezzato e conosciuto nell’ambiente universitario per le sue idee filosofiche e il suo carisma. Entrambi si sentono immediatamente legati, perché hanno interessi culturali comuni, ma soprattutto hanno la stessa visione del mondo e dell’amore, fondata sulla libertà assoluta e sul rifiuto di ogni vincolo e costrizione. Con Sartre, Simone condivide la vita privata ma anche il lavoro di scrittrice e l’impegno politico, frequentando i caffè della Rive Gauche, animati da artisti e intellettuali, e viaggiando per portare avanti le proprie battaglie, in una relazione aperta e appassionata che li porterà ad affrontare anche la guerra e la separazione, per poi ritrovarsi e non lasciarsi mai più. Con il suo romanzo, Caroline Bernard ha voluto rendere omaggio a questa grande donna che non si è accontentata di conquistare la propria libertà, ma che, attraverso i suoi scritti e le sue lotte, ha aperto la strada verso l’emancipazione a tutte le donne.

L’autrice Caroline Bernard nel suo romanzo “Il fiore di Parigi” racconta la vita di Simone Lucie Ernestine Marie Bertrand de Beauvoir scrittrice, saggista, filosofa, insegnante e attivista femminista.

“Vivrò una vita molto speciale, promise a se stessa. Una vita come la voglio io, non la piccola vita che i miei genitori hanno in mente per me. Sarò Simone de Beauvoir, non Madame Tal dei Tali.
E un giorno sarò una scrittrice famosa.”

Simone proviene da una famiglia francese alto borghese, fin dalla sua adolescenza dimostra di avere interessi diversi che accomunano le ragazze della sua età. E’ una ragazzina con le idee chiare e con un libro sempre in mano cosa che disturba molto il padre, il quale è fermamente convinto che la cultura imbruttisca la donna, la quale deve essere educata solo a: come essere una buona moglie e come accudire i figli.
Per Simone la vita era altro, non avrebbe mai sacrificato la sua vita rispettando le regole che la società imponeva a una donna di quei tempi.

“Era entrata nel mondo della conoscenza, e ogni libro che leggeva suscitava in lei una forte curiosità per quello successivo.”

Per Simone affermarsi e rendersi indipendente è molto importante, odia le prigioni mentali, lei lotta quotidianamente per la libertà , per lei le donne devono essere libere di scegliere la propria strada, seguire le proprie idee e trovare posto in una società dove vede la donna obbediente e confinata al focolare della famiglia.

Determinata a realizzare i suoi obiettivi, si impegna nello studio e diventa insegnante, attraverso questa professione la ragazza si rende conto che le donne che occupano questo ruolo sono davvero poche , si ritrova a lavorare in un ambiente ostile, perchè ritenute a livello intellettuale inferiore dell’uomo , tuttavia Simone emerge con la sua intelligenza e la sua personalità e la sua voglia di riscatto e diventa l’ eroina delle sue allieve, in molte la adorano e con alcune di loro stringe rapporti molto intimi.

Simone è una ragazza ribelle, amante della vita, la sua curiosità la porta a intraprendere viaggi, la sua passione sono le escursioni, per lei camminare nella natura è rigenerante. Ama le feste ,coltivare amicizie, e conoscere nuova gente ed è così che conosce l’amore della sua vita.

“Simone aveva conosciuto la felicità infinita di amare sia l’intelligenza sia il corpo di un uomo. Provava la vertiginosa certezza che Sartre era il compagno di vita che aspettava, tutto ciò di cui lei aveva bisogno nel suo cammino. Era il suo interlocutore privilegiato, il suo amico, il suo uomo. Era più importante di chiunque altro.”

Il rapporto con Sartre è idilliaco, entrambi vivono per la libertà, si nutrono di cultura, Simone per l’uomo non è solo un amante ma anche una consigliera, colei che legge, corregge e approva i suoi scritti.
I due hanno instaurato un patto, la promessa che qualsiasi cosa succeda loro ci saranno l’una per l’altro.
Ma il loro rapporto viene minato dalle infedeltà di lui, all’inizio per Simone è davvero dura, ma con il tempo capisce che non consistono un problema per il loro rapporto, la loro unione va oltre ogni legge che ha stabilito l’uomo.

“In ogni relazione, in ogni storia d’amore, è importante che ciascuno conservi la propria identità, rimanga fedele a se stesso, senza piegarsi per l’altro nè tradire i propri obbiettivi.”

Scoppia la Guerra, Simone perde il posto come insegnante, dedica anima e corpo alla stesura del suo primo libro, non ha ancora le idee chiare su cosa scrivere, ma finalmente dopo tre anni il suo impegno viene premiato.
Dopo la Guerra Simone è un’altra donna, ha raggiunto la sua indipendenza intellettuale, finalmente sa cosa vuole , non ha più dubbi.
Ed è così che inizia la sua rivoluzione femminista, creare un mondo dove la donna viva la sua intraprendenza lontana dai preconcetti e da ideali voluti da una società patriarcale.

“Il fiore di Parigi” è un romanzo coinvolgente, la storia della protagonista rende partecipe il lettore al cambiamento, con questo racconto l’autrice ci regala un pizzico di vissuto di una donna che ha cambiato, stravolto il ruolo della donna nella società all’ inizio del XX secolo.
Con la sua voglia di libertà è andata contro ogni regola, ha vissuta una vita piena, senza pregiudizi e falsi moralismi, ha dato un calcio alle buone maniere dell’alta borghesia Francese andando contro ogni stereotipo, una donna testimone del coraggio.
Simone con la sua storia ci dimostra il vero concetto di libertà.
Una donna da far assolutamente conoscere alle nostre adolescenti, in modo che capiscano che la cultura, il sapere, quello è importante, solo la cultura rende liberi e dire una volta per tutti basta a una società che vuole solo donne fisicamente perfette e vuote di contenuti….
Per chi volesse approfondire la vita di Simone de Beauvoir in commercio ci sono tantissimi libri!

“Donne non si nasce, si diventa.”

“Il fiore di Parigi”
Autrice: Caroline Bernard
Traduzione di: Maria Carla Dallavalle
Casa Editrice: Tre60
data di pubblicazione: 24 Febbraio 2022
pagine: 349
prezzo: 18,00 euro

 Le recensioni presenti in questo sito web esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione, invia o commenti o recensioni tramite il seguente modulo: https://www.librichepassione.it/contatti/
Author: Jenny Citino
Jenny Citino è la curatrice del blog letterario "Librichepassione.it" Amante della lettura sin da bambina, alterna questa sua passione con la musica classica, il giardinaggio e la pratica dello Yoga.