Recensione: “Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita” di Raphaelle Giordano

Recensione: “Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita” di Raphaelle Giordano

“Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita”
Autore: Raphaelle Giordano
Traduzione di: Sara Arena
Casa editrice: Garzanti
data di pubblicazione: 9 settembre 2021
pagine: 368
prezzo: 11,40

Ci sono giorni capaci di cambiare rotta alla nostra vita. Per Meredith oggi è uno di quelli: di fronte al desiderio del compagno Antoine di dare una svolta al loro rapporto, non è più sicura della direzione da prendere e ha bisogno di fare chiarezza, ma non sa da dove cominciare. Finché la migliore amica Rose le regala un taccuino su cui annotare pensieri e riflessioni e le propone di portarlo con sé in un viaggio intorno al mondo. Sei mesi per ritrovare sé stessa e capire se sia possibile prepararsi al grande amore. All’inizio, Meredith non crede sia una buona idea, ma allontanarsi dalla quotidianità potrebbe rimettere ogni cosa nella giusta prospettiva. Così accetta la proposta di Rose: da Parigi a Londra e New York, riempie il suo taccuino di annotazioni che la aiutano a esprimere la propria inclinazione all’amore. E impara che bastano pochi semplici accorgimenti per vivere e amare pienamente: fare pace con sé stessi e mettere da parte i ricordi dolorosi, ascoltarsi e riconoscere il valore dei propri successi, non dare retta ai dubbi né alla voce della gelosia e, soprattutto, ricordarsi di tendere al punto giusto la corda del desiderio. Piccole regole d’oro da rispolverare quando si ha la sensazione di aver perso l’orientamento. Ora Meredith deve affrontare la sfida più grande: mettere in pratica ciò che ha imparato per capire se sia arrivato il momento di riabbracciare Antoine e riprendere la propria vita. Raphaëlle Giordano, dopo “La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola”, ritorna con un romanzo che affronta il tema delicato delle relazioni e dei sentimenti. E ci invita a ricordare che non è mai troppo tardi per pensare positivo e provare a cambiare qualcosa nelle nostre abitudini: è il primo passo per rivoluzionare la nostra esistenza e trovare la vera felicità.

‘Per un certo periodo ho addirittura pensato di rinunciare per sempre all’amore, di farla finita con questa fonte di sofferenza e di frustrazione. Come dev’essere riposante… Correre il rischio di amare significa accettare quello di soffrire, è innegabile, ma anche darsi la possibilità di essere felici.’

Il libro di Raphaëlle Giordano si può dividere in due parti: quella iniziale in cui si racconta la storia di Meredith in uno stile romanzato, mentre la seconda è più tecnica/pratica in cui il lettore può esercitarsi personalmente con i consigli dell’autrice.  

La prima parte introduce in modo più “leggero” i temi principali: l’amore in tutte le sue forme, tutto ciò che può creare difficoltà a livello relazionale ma soprattutto il sentirsi veramente soddisfatti della propria vita.

‘Questo fiore è un Galanthus nivalis. In greco ‘gala’ significa <<latte>> e ‘anthos’ <<fiore>>. Per te, dunque, questo fiore di latte, per augurarti dolcezza e fiducia. Il bucaneve è simbolo di speranza. Quando Adamo ed Eva furono cacciati dal paradiso terrestre, lei si disperava pensando che l’inverno sarebbe durato per sempre. In quel momento apparve un angelo che trasformò parte dei fiocchi di neve in fiori: un bel modo per suggerire l’idea che la stagione fredda sarebbe presto finita e avrebbe lasciato posto alla primavera. Quindi, non dimenticare: la vita ci riserva sempre delle sorprese… Speranza e fiducia. Non arrenderti mai. Spesso, senza saperlo, siamo a un soffio dal miracolo.’

Meredith, fidanzata da tempo con Antoine, non si sente soddisfatta di sé stessa e pensa che questo possa influire sul loro rapporto di coppia. Decide di prendere una scelta non semplice per entrambi: stare lontana da lui per un periodo di 6 mesi, durante il quale lei possa ottenere quel successo come attrice che tanto vorrebbe raggiungere, un modo per realizzarsi, diventare qualcuno e non solo la “semplice fidanzata” di una persona di successo come il suo ragazzo. Questo distacco porta inanzitutto Meredith a fare un’analisi su sé stessa, facendole scoprire ciò che non funziona e trovando piano piano una soluzione ai suoi problemi.

‘Perché non riesce a capire che sono già pronto a passare con lei ogni giorno della mia vita, a partire da ora, senza più aspettare? Che sono pronto a starle accanto proprio perché non è ancora riuscita a raggiungere il successo a cui aspira? Che voglio essere al suo fianco quando inevitabilmente incontrerà difficoltà nell’impietoso mondo dello spettacolo? Ma non c’è creatura più testarda di Meredith… Devo smetterla di interpretare la situazione dal mio punto di vista se voglio avere una speranza di capire il suo. Evidentemente non è orgogliosa di sé stessa, e anche se le ripetessi fino allo sfinimento che ha tutte le ragioni per esserlo, non servirebbe a convincerla. Non posso fare quel percorso al posto suo. Come una funambola sul filo incerto della vita, Meredith cerca il suo equilibrio, e il mio ruolo è quello di seguirla un po’ discosto, pronto a tenderle la mano se incespica.

Ad aiutarla in questa “speleologia” sono le diverse esperienze da lei provate anche con persone diverse e in particolar modo si serve di uno strumento: una specie di diario, che lei chiama Love Organizer, diviso in 5 parti e che si promette di redigere nel corso del tempo. Le sezioni del suo organizer sono quelle sulle quali deve indagare per portare a termine la sua “auto-analisi” o “fase di cambiamento” e sono le 5 parti finali del libro in cui l’autrice, passo dopo passo, dà consigli da mettere in pratica: -tra me e me; – tra me e l’altro; -tra me e il mondo; -i miei impegni; -i miei traguardi;

Si può considerare un libro Self Care e forse anche più piacevole perché introdotto dalla parte romanzata.

Ma come andrà a finire la storia di Meredith? Riuscirà a realizzare i suoi sogni? Antoine sarà ancora lì ad aspettarla dopo tutto quel tempo o i suoi sentimenti per lei si sono affievoliti? A voi scoprirlo…

Vi ho incuriositi abbastanza? In ogni caso, io l’ho trovato un libro molto interessante e allo stesso modo utile a tutti coloro che non stanno bene con sé stessi e che vorrebbero apportare dei cambiamenti importanti per la loro vita.

“Bisogna creare dei momenti di sospensione, my dear. Momenti, per l’appunto, fuori dal tempo. Istanti preziosi che ci permettono di sfuggire alla banalità del quotidiano. Quello che conta non è la quantità ma la qualità del tempo passato insieme.”

Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

BLOG Recensioni