Recensione: “Succede quasi sempre per caso” di Emily Stone

Recensione: “Succede quasi sempre per caso” di Emily Stone

“Succede quasi sempre per caso”
Autrice: Emily Stone
Traduzione di: Clara Nubile e Serena Tardioli
Titolo originale: Always in December
Casa editrice: Newton Compton
data di pubblicazione: 4 Ottobre 2021
pagine: 416
prezzo: 9,40

Chi l’ha detto che i miracoli non esistono?
Josie detesta il Natale. A peggiorare il suo umore contribuiscono il fatto che Oliver, il ragazzo con cui ha appena rotto, sta uscendo con una sua collega e la sua coinquilina trascorrerà delle splendide vacanze all’estero. Le strade di Londra addobbate a festa, i negozi decorati e le gioiose musiche tintinnanti nell’aria le procurano tristezza. Senza contare che l’espressione di felicità stampata sulle facce di chi si appresta a riunirsi con la famiglia le ricorda quel terribile Natale in cui persero la vita i suoi genitori. E così, ogni anno, invia loro una lettera con le stesse identiche parole: “Mi mancate”. Ma stavolta il suo viaggio rituale verso la cassetta delle lettere viene interrotto da un evento imprevisto: la bicicletta di Josie finisce contro un affascinante sconosciuto, Max. Dopo qualche giorno di idillio, però, lui sparisce senza una parola…
L’esordio più atteso e romantico dell’anno


Romanzo di esordio dell’autrice Emily Stone, “Succede quasi sempre per caso”, non è la classica commedia ambientata nel periodo natalizio, bensì qualcosa di più toccante: parla di amore, di rapporti, di perdita e di come la vita possa cambiare all’improvviso incontrando la persona giusta, quella persona che ti insegna a osare e a non focalizzarti sul passato ma di vivere il presente, il qui e ora perché dalle cose belle anche se fugaci  possiamo imparare e metterli in pratica nel viaggio più bello, più difficile e più imprevisto che è quello della nostra vita.
Anche se a volte  non capiamo perché alcune cose accadono, il futuro ha sempre una risposta.

“…. E anche se le vacanze natalizie non le dispiacevano, perché era una pausa dal lavoro e del tempo extra da passare con gli amici lei era terrorizzata dal conto alla rovescia per il giorno di Natale, per via dei ricordi che portava con sé.”

Manca poco al Natale e mentre tutti  sono euforici per i preparativi da fare per il periodo più bello dell’anno per Josie non è così, e per non farsi mancare nulla, è anche tradita dal suo fidanzato Oliver.
Per Josie il Natale è un periodo  triste  perché proprio in questo giorno ricade l’anniversario della morte dei suoi genitori.
Da allora è stata allevata dai suoi amati nonni  che le hanno donato tanto affetto e si sono sempre dimostrati comprensivi  e disponibili. Infatti, da quando Josie si è trasferita a Londra non ha più  avuto il coraggio di trascorrere il Natale  nella casa dove è  cresciuta e di conseguenza,   senza la compagnia dei suoi nonni, per il timore di rivivere quei tristi momenti  ancora indelebili nella sua mente.

Ogni anno Josie ha  un rituale: scrivere una lettera di Natale ai suoi genitori che racchiude semplici parole:  Cari mamma e papà, mi mancate sempre. Buon Natale con tutto il mio amore, Josie.

E mentre si reca  a imbucare la  lettera  per mantenere fede alla sua tradizione ha un piccolo incidente.  Durante la sua corsa in bici, con la mente immersa  nel ricordo dei suoi genitori, travolge un uomo.
Per fortuna entrambi non hanno riportato nulla di grave, tuttavia, Josie per farsi perdonare invita l’uomo a bere qualcosa in un pub; inconsapevole che quell’incontro le cambierà la vita per sempre.
E quando il destino ci mette lo zampino  tu non puoi opporti…

“I loro sguardi si incrociarono,  e lei sentì un tuffo al cuore, ma si rifiutò di staccargli gli occhi di dosso.”

In principio l’uomo sembrava volesse stare sulle sue, che non volesse perdere tempo con lei e Max le sembrò scocciato…
Passarono del tempo insieme e da quella sera non si persero di vista, trascorsero il Natale insieme e per Josie furono i giorni più belli dei suoi ultimi anni, Max era riuscito a farle vivere un Natale indimenticabile…
Ma i giorni spensierati durarono ben poco, Max sparì  nel cuore della notte lasciandola sola, in balia di se stessa : era come se fosse stato tutto un sogno.

Josie non riusciva a capire cosa fosse successo, perché sparire così all’improvviso dopo che lei si è aperta a lui senza remore, fidandosi ? Perché aveva deciso di ferirla anche lui?

Josie e Max si rivedono  altre volte, e ogni volta Max  cerca il momento giusto per farle capire il perché fosse sparito così all’improvviso nonostante lui l’amasse… ma ogni volta gli manca il coraggio.

“Mi hai aiutata a dimostrare che potevo fare cose che non avrei mai sognato di fare, perché non pensavo  di avere la forza d’animo necessaria. Mi hai dimostrato che vale la pena tenere duro finché non incontri la persona che ti completa. Ma soprattutto, incontrandoti, ho avuto il coraggio di essere quella persona.”

Io non amo molto i romanzi rosa, tuttavia mi concedo quelli ambientati nel periodo natalizio perché mi piace il contesto: le tradizioni, il calore familiare , gli addobbi e respirare quella magia di gioia e di pace che  solo in quel periodo dell’anno sembra farsi sentire più forte che mai.
Appena ho iniziato a leggere “Succede quasi sempre per caso” mi aspettavo di leggere la solita storia dal lieto fine, un po’ scontata come del resto lo sono i romanzi rosa, ma non è stato così.

Un libro scorrevole, emozionante e che ti tiene con il fiato sospeso.
L’autrice con la sua narrazione riesce a tenere la lettrice incollata alle pagine, in suspense, perché  fino alla fine non fa trapelare il motivo per il quale Max sparisce all’improvviso.
Una storia dal finale travolgente, un finale che non vi lascerà indifferenti e verserete tante lacrime,  sono sicura, saranno lacrime che faranno bene all’anima, una storia che parla del Natale, ma sotto una forma diversa, il Natale visto da un’altra prospettiva, perché pensiamo che il Natale sia fonte di gioia, tuttavia non è così per tutti.
Alla fine ti domandi quante Josie e Max  ci saranno là fuori nella vita reale  e ti senti mancare il fiato.
Ho scelto questo libro perché è ambientato nel periodo natalizio e a essere onesta pensavo fosse una lettura di tutt’altro genere e sono contenta che non sia stato così, perché ho avuto modo di riflettere su tante cose, perché “SUCCEDE  QUASI SEMPRE PER CASO” e ti ritrovi a leggere una storia che non lascia indifferenti…

“Sto  imparando che non si può cambiare ciò che è stato”

Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

BLOG Recensioni