Recensione “Sangue e cenere” di Jennifer L. Armentrout

Recensione “Sangue e cenere” di Jennifer L. Armentrout

“Sangue e cenere”
Autrice: Jennifer L. Armentrout
Genere: high fantasy
Casa Editrice: HarperCollins
data di pubblicazione: 24 marzo 2022
pagine: 592
prezzo: 17,00 euro

UNA FANCIULLA…

Scelta dalla nascita per dare vita a una nuova era, Poppy non è mai stata padrona della propria vita. La sua è un’esistenza solitaria, in cui tutto le è proibito: nessuno può guardarla, né toccarla o rivolgerle la parola.
Non è nemmeno libera di usare il proprio dono… Può solo aspettare il giorno della sua Ascensione, chiedendosi che cosa accadrà, mentre preferirebbe di gran lunga stare con le guardie, a combattere il male che ha distrutto la sua famiglia. Ma lei, la Vergine, non ha mai potuto decidere per se stessa.

UN DOVERE…

Il futuro del regno è sulle sue spalle, anche se lei quel fardello non lo ha mai voluto. Perché anche la Vergine ha un cuore, un’anima, dei desideri. E quando nella sua vita entra Hawke, la guardia incaricata di proteggerla e sorvegliarla, il destino e il dovere si intrecciano inesorabilmente con il desiderio. Quel giovane dagli occhi dorati alimenta la sua rabbia, la spinge a mettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto, la sfida a provare sensazioni nuove e inesplorate.

UN REGNO…

Abbandonato dagli dei e temuto dai mortali, un nuovo regno sta risorgendo dalle ceneri. Determinato a riprendersi ciò che gli spetta, l’Oscuro avanza assetato di vendetta. Ma più l’ombra del male si avvicina, più il confine tra ciò che è giusto o sbagliato diventa sottile. E quando la trama insanguinata che tiene insieme il suo mondo inizia a sfaldarsi, Poppy non rischia soltanto di essere ritenuta indegna dagli dei, ma anche di perdere il proprio cuore e la sua stessa vita.

“Ero la Vergine.
La Prescelta.
E in poco meno di un anno, il giorno del mio diciannovesimo compleanno, sarei ascesa, come tutti i Lord e le Lady in Attesa. Le nostre Ascensioni sarebbero state diverse, ma sarebbe stata l’Ascesa più numerosa della Benedizione dei primi dei, dopo la fine della Guerra dei Due Re.”

Penellaphe è la prescelta, la Vergine, e questo comporta degli obblighi da parte sua e determinati comportamenti da tenere, ma questo ruolo la rende anche un bersaglio per l’Oscuro e non solo. Poppy, come viene chiamata dagli amici, è una ragazza giovane ma dal carattere molto determinato e forte.. questo è sia un pregio sia un difetto, non sempre fa ciò che le viene detto e questo potrebbe portarla a cacciarsi in qualche brutto guaio.

Dalle prime pagine pensavo fosse un libro banale e scontato della solita ragazzina viziata che si caccia in un guaio invece mi sbagliavo di grosso!! Il libro è tutt’altro che banale, è ricco di eventi sorprendenti e dal finale completamente inaspettato e sconvolgente.

Una travolgente storia d’amore segreta, che si intreccia a mille pericoli ed ostacoli, tra cui il ruolo che ricopre la protagonista Poppy. Un ruolo pesante il suo, opprimente, pieno di regole e restrizioni, ma fortunatamente è una ragazza furba, intelligente e anche un po’ ribelle che non si farà schiacciare dalle regole imposte dal suo regno e dalle tradizioni.

Inoltre un velo di mistero aleggia per tutta la durata del libro.. chi è questo “Oscuro”? È davvero lui che sta cercando Poppy? Altrimenti chi altri? Tutte domande che ci si pone all’inizio del testo e che per questo aumentano la curiosità ad ogni pagina man mano che si procede con la lettura, infatti anche se non è il mio genere preferito ho letto davvero volentieri il libro proprio per la curiosità che mi ha scaturito e non vedo l’ora di leggere il secondo volume appena uscirà 😍

“Da sangue e cenere noi risorgeremo.”

Ringrazio la Casa Editrice per la copia del romanzo

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

BLOG Recensioni