Recensione: “L’ inganno Machiavelli” di Fabio Delizzos

Recensione: “L’ inganno Machiavelli” di Fabio Delizzos

“L’ inganno Machiavelli”
Autore: Fabio Delizzos
Genere: Thriller storico
Casa editrice: Newton Compton
data di pubblicazione: 30 Settembre 2021
pagine: 384
prezzo: 9,40

Firenze, 1503.  Niccolò Machiavelli è costretto a partire dopo aver ricevuto un’inquietante lettera da Roma: qualcuno vuole ucciderlo, e si firma col nome di un diavolo, Belfagor. Il Secondo Cancelliere della Repubblica e Segretario dei Dieci dovrà lasciare sua moglie Marietta, malgrado lei stia per partorire. Ma la missione che lo attende è della massima importanza: ne va della sua stessa vita.  Roma. Mentre fervono i preparativi per il Conclave, la città del papa, in preda all’anarchia, è funestata da una serie di morti inspiegabili. A quanto pare legate alla lettera ricevuta da Machiavelli. Chi lo odia a tal punto da volerlo morto? Chi si cela dietro il nome di Belfagor? Ma soprattutto: i Borgia hanno qualcosa a che fare con gli eventi terribili che stanno terrorizzando Roma? Scoprirlo non sarà facile, in una città in cui i pericoli si nascondono ovunque: nei vicoli stretti e bui, nei sontuosi palazzi dei cardinali, nelle camere delle cortigiane, nelle taverne, nei monasteri… Machiavelli sarà chiamato ad affrontare i fantasmi del suo passato e a risolvere un diabolico enigma. E dovrà usare tutta la sua intelligenza, se vorrà capire come uscirne vivo.

<<“Chi sei?” Si domandò Niccolò. “Un animale, una bestia della natura, come tutti gli altri”, si rispose. Un po’ volpe, per fiutare le trappole; un po’ leone, per poter spaventare i lupi. Perché il mondo era pieno di trappole e di lupi pronti ad approfittare della minima distrazione.>>

Gherardo Valori, amico di Niccolò Machiavelli, viene trovato misteriosamente morto per strada con una lettera in mano, ma non sarà l’unico a morire, ci saranno una serie di morti apparentemente inspiegabili. Una lettera indirizzata proprio a Niccolò con scritto un avvertimento “Fra poco morirai. Firmato Belfagor”.

Chi vuole morto Niccolò e perché? chi è questa persona che si firma col nome di un diavolo?

<< È saggio presumere che gli uomini siano tutti rei, sempre pronti a usare la malignità del loro animo ogni qualvolta ne abbiamo l’occasione.
I veri diavoli sono gli uomini. Il vero inferno è sulla terra.>>

Un libro che ti tiene incollato al testo dalla prima all’ultima riga. Suspance dall’inizio alla fine, grande attesa per scoprire l’assassino e alla fine un grande colpo di scena inaspettato. Un libro scorrevole e coinvolgente, una storia intrigante, curiosa e dal finale assolutamente inaspettato e sconvolgente.

<<“Machiavelli. Mal clavelli.”
I chiodi cattivi della crocifissione di Cristo. Erano lo stemma di famiglia. […]
“Hai il male nel cognome Niccolò.”
No, quei chiodi non rappresentavano il male, ma la spietata efficienza della legge di Roma.>>

Ringrazio la Casa Editrice per la copia del romanzo

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

BLOG Recensioni