Marco Iori, è nato il 22 Luglio 1989 ad Assisi, attualmente vive con la sua compagna Angela e i suoi due bambini, in un paesino della provincia di Perugia.  E’ stato sempre appassionato dalla scrittura e soprattutto dalla Poesia, “La Porta della mia Vita” è il primo libro che ha pubblicato.

Ciao Marco, benvenuto a “Due chiacchiere con lo scrittore” parliamo del tuo romanzo “La porta della mia vita”

  • Perché hai cominciato a scrivere?

La scrittura mi ha sempre appassionato. Fin da piccolo rimanevo affascinato da una semplice favola, mi piaceva tanto ascoltare le storie che mi raccontava mio nonno, così nella mia testa fantasticavo, ed inventavo storie… storie che solo un bambino è in grado di immaginare e scrivere nella sua testa. Con la crescita ho trovato nella scrittura un modo per esprimermi liberamente, senza essere giudicato da nessuno.

  • Com’è nata l’idea del tuo romanzo “ La porta della mia vita”?

In effetti l’ ispirazione l’ho avuta dal mio amico Diego, il quale un giorno mi disse: “ Ho lasciato il mondo dei vivi.” Ed è proprio da questa semplice frase ho trovato l’impulso a scrivere questo libro. E’ stato un bisogno di comunicare e far si che ognuno che legga le mie parole riesca a rispecchiarsi nella propria vita reale e far si che possa dare un valore ai propri giorni.

  • Perché hai deciso di scrivere questa storia? Qual è il tuo messaggio?

Ognuno di noi deve far vincere la propria forza interiore. Solo l’amore e la fede possono consentire all’uomo di superare il dolore. Lottare per la vita. Tutto può avere un significato, ogni piccola cosa può aiutare a sopravvivere.

  • Esiste un libro che ha avuto una grande influenza nella tua vita? C’è  uno scrittore che consideri il tuo mentore?

Il mio autore preferito è Primo Levi, è considerato non solo il più lucido testimone dello sterminio degli ebrei, ma anche uno dei maggiori scrittori del secolo ‘900. Testimonianza autentica, autobiografica, di una delle pagine più crude della nostra storia. Scrive il romanzo “Se questo è un uomo”, per far si che nessuno possa dire che tutto ciò non sia avvenuto. Lo ammiro perché Levi con questo romanzo riesce ad essere obbiettivo, distaccato, non esprime rancore o disprezzo per i suoi carnefici, per la situazione assurda e incomprensibile che deve vivere, ciò che è costretto a subire è al di là di ogni possibile comprensione o spiegazione. Levi riscopre la lotta primordiale per la vita, dove niente ha più senso, tutto può avere un significato, ogni piccola cosa può aiutare a sopravvivere.

Per non dimenticare: “Considerate se questo è un uomo…”

  • Quanto c’è di te nel tuo romanzo?

Sembrerà una frase fatta, ma nel romanzo c’è tutto me stesso. Come già ho detto, l’ispirazione l’ho avuta da una frase che mi disse il mio amico Diego: “ho lasciato il mondo dei vivi”, le ombre del suo passato hanno fatto sì che potessi esternare ciò che provo anche attraverso la stesura delle mie poesie.

  • Potessi descrivere con tre aggettivi il tuo romanzo, quali useresti?

Coinvolgente… sofferto… ottimista

  • Una citazione tratta dal tuo libro…

Vorrei morire con la gioia di aver vissuto.

Grazie Marco per la tua collaborazione.

Il libro dell’ autore

“La porta della mia vita” è la storia di un ragazzo che afferma: “Vorrei morire con la gioia di aver vissuto”, che ha lottato sempre per restare a galla tra la gente, urlando con il cuore ma restando sempre in silenzio. Nella prima parte del libro si trovano pezzi della malinconica infanzia e soffocante adolescenza dell’amico del protagonista, Diego, il quale dice: “Ho lasciato il mondo dei vivi”. Un mondo dove Diego non ha nulla da vedere, nessun albero, niente luce, nessuna collina né montagna, nessun fiore, né mari né animali, nessun cielo né stelle. Nessun luogo che si possa riconoscere come tale. Nulla, tranne il riflesso di ciò che vive dentro di lui. In questo libro sono racchiuse anche delle poesie che rispecchiano la vita dell’autore ed esternano ciò che egli prova.

per acquistare il libro cliccate sul link in basso: https://www.booksprintedizioni.it/libro/racconti-brevi/ebook-la-porta-della-mia-vita

Jenny Citino

Di Jenny Citino

Jenny Citino è la curatrice del blog letterario "Librichepassione.it" Amante della lettura sin da bambina, alterna questa sua passione con la musica classica, il giardinaggio e la pratica dello Yoga.

error: Testi e foto ©librichepassione.it