Recensione del romanzo “Un segreto a Parigi” di Caroline Montague edito da Newton Compton

Recensione del romanzo “Un segreto a Parigi” di Caroline Montague edito da Newton Compton

“Un segreto a Parigi”
Autrice: Caroline Montague
traduzione di: Giulio Lupieri
Casa editrice: Newton Compton
data di pubblicazione: 6 Maggio 2021
pagine: 390
prezzo: 11,40

1952. Nella Parigi del dopoguerra, in cui si respira un’atmosfera febbrile, Sophie Bernot sta studiando alla scuola di specializzazione medica per diventare cardiochirurgo. Giovane donna in un mondo di soli uomini, è determinata a dimenticare un passato di dolore e precarietà e a costruirsi un futuro e una carriera brillanti, a qualunque costo.
Dall’altra parte della città, Sebastian Ogilvie non vede l’ora di realizzare il suo primo progetto architettonico. L’ambizione lo ha portato in Francia, qui ha incontrato casualmente Sophie: la vita sembra avere in serbo per lui bellissime sorprese. 
Ma quando Sophie e Sebastian inizieranno a vivere una relazione piena di passione, dovranno anche fare i conti con una scelta che cambierà la loro esistenza in modo irrevocabile. C’è un segreto che avrà bisogno di molto tempo per essere svelato…
Una promessa da mantenere.
Un terribile segreto.
Una scelta impossibile…

“Quando ero piccola, mi ero fatta la promessa che un giorno avrei guarito i cuori malati.”

La storia di una donna, Sophie, molto coraggiosa e valorosa che nonostante le difficoltà non ha mai smesso di puntare al suo sogno: diventare una cardiochirurga.

‘Sophie gli parlò del suo sogno di diventare una cardiochirurga. <<Vengo da una famiglia che aveva poco >>, concluse, <<ma abbiamo lavorato sodo. Non avevo molte opportunità, ma le persone che mi erano vicine credevano in me. E questo vale molto più del denaro o delle proprietà. Così ero ricca, ma in un modo diverso. Lo so che quello è un mondo di uomini, ma voglio dimostrare che una donna può farlo meglio di loro>>.’

Durante il corso della sua vita ci sono stati momenti bui e ha dovuto prendere scelte molto difficili per continuare a studiare ma alla fine è riuscita a diventare una pioniera nella cardiochirurgia e in più donna (cosa non poco scontata visto che si tratta dei primi anni ’50 del 1900 e le donne non avevano ancora la parità di genere a cui siamo arrivati ai giorni nostri).

‘Todd non la trattava mai con condiscendenza, ma la considerava una sua pari, e questo la lusingava.’

Si può pensare che abbia agito egoisticamente quando, pur di non rinunciare ai suoi studi, ha preso la difficile scelta di abbandonare suo figlio; lo lascia alle cure e attenzioni della famiglia benestante del vero padre del bambino, Sebastian, che Sophie ha conosciuto durante un weekend in montagna.

“Benché avesse creduto di essere innamorata di Étienne, il loro incontro era stato breve e affrettato. Momenti rubati in un periodo di grande pericolo. I loro rapporti erano stati frenetici e disperati, sempre consapevoli che ogni istante avrebbe potuto essere l’ultimo. Quell’atmosfera di trepidazione aveva lasciato poco spazio al romanticismo. Ma con Christophe c’era tutto il tempo del mondo e si erano esplorati lentamente e teneramente. Non aveva mai provato qualcosa di simile.”

Le vite dei tre protagonisti principali, Sophie, Sebastian e il piccolo Alfie, sembrano prendere percorsi diversi, ma continuando a leggere, si può pensare che il destino abbia voluto riunire quella famiglia; s’intrecciano nei loro destini anche le storie di personaggi secondari che fanno da contorno e arricchiscono la storia principale.

Un racconto emozionante e commovente che lascia il lettore a bocca aperta capitolo dopo capitolo. Il tutto si conclude con un bel lieto fine che riunisce tutti quanti i personaggi in una famiglia letteralmente al completo.

Non tutti i mali vengono per nuocere: i sacrifici fatti da Sophie sono davvero ammirevoli. Se non avesse continuato i suoi studi e non avesse assistito a quell’operazione innovativa in America, molto probabilmente avrebbe perso la cosa più preziosa che le era rimasta: suo figlio. Una donna, una madre davvero coraggiosa e ammirevole che si è distinta per il suo costante impegno volto alla realizzazione del suo sogno che covava sin da quando era una bambina e che ha salvato suo figlio.

E voi sareste così coraggiosi come Sophie se vi dovesse capitare di vivere una situazione analoga?

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

Copia offerta dalla Casa Editrice

BLOG Recensioni