Recensione “la collezionista di storie d’amore” di Fiona Valpy

Recensione “la collezionista di storie d’amore” di Fiona Valpy

“La collezionista di storie d’amore”
Autrice: Fiona Valpy
Traduzione di: Martina Rinaldi e Sofia Spangaro
Casa Editrice: Newton Compton
data di pubblicazione: 4 Aprile 2022
pagine: 346
prezzo: 9,40 euro

Autrice del bestseller La custode dei profumi perduti
Oltre due milioni di copie vendute
Marocco, 1941. 
Josie ha raggiunto Casablanca insieme alla famiglia in fuga dalla Francia, ormai stremata dall’occupazione nazista. Ha solo dodici anni ma ha già imparato a sue spese quanto la vita possa essere dura. Per questo il sole abbagliante, i colori e i profumi della nuova casa la riempiono di meraviglia. I problemi sembrano lontanissimi e Josie è stregata dalla bellezza travolgente del posto. Ma presto arriva una nave diretta in America, sulla quale i suoi genitori sono riusciti ad assicurarsi un passaggio sicuro.
2011. Zoe mette per la prima volta piede a Casablanca. Il suo matrimonio sta naufragando, ha una bambina di cui prendersi cura e una nuova vita da progettare in una città in cui non conosce nessuno. Proprio mentre comincia a domandarsi se riuscirà mai a sentirsi a casa in un luogo così remoto e misterioso, sarà il ritrovamento di un diario, nascosto sotto le assi del pavimento della stanza della figlia, a mostrarle Casablanca sotto una nuova luce.
Attraverso le parole della giovanissima Josie, che ammirava lo stesso panorama sull’Oceano Atlantico, Zoe capirà che se vuole davvero una seconda occasione per essere felice, dovrà osservare il mondo con lo sguardo della purezza e della spontaneità che ha paura di aver perduto…

‘Mi mancano molto i libri che abbiamo dovuto lasciare. A volte li immagino nella nostra vecchia casa accanto al mappamondo, tutti allineati sui loro scaffali senza nessuno che li legga, con i ragni che ci tessono sopra ragnatele che nessuno spazzerá via. È un pensiero triste per me, perché ho sempre pensato che i libri abbiano una vita propria e che senza di noi debbano sentirsi molto soli.’

Il libro di Fiona Valpy è composto da due racconti ambientati in anni diversi (il 1941-42 e il 2010) e raccontati da due narratrici diverse, terminando con il ricongiungimento delle due storie e protagoniste.
Zoe, la protagonista che narra nel 2010, si trasferisce in Marocco con il marito e trova un diario: è quello scritto da Josie nel 1941-42, durante gli anni della guerra.
Entrambe hanno molte cose in comune e spesso Zoe si immedesima e trova dei collegamenti con ciò che legge nel diario di Josie.
Appena trovato quel diario prezioso, nonostante la sua enorme curiosità indotta da quella scoperta, non si fa prendere dalla tentazione di leggere subito la fine della storia e si gode piano piano tutti i passaggi che testimoniano ciò che Josie ha vissuto in quegli anni.
Un libro emozionante che ripercorre eventi di storia realmente accaduti e di fantasia; il finale è imprevedibile e lascia a bocca aperta; un racconto pieno di episodi tristi ma allo stesso tempo pieno di speranze, di messaggi positivi e di storie di rinascita.

Ps: io lo avrei intitolato “la venditrice di sogni” e se lo leggete capirete voi stessi il motivo!

‘<<Quando la luna si riflette su cento ciotole d’acqua, ovunque siano, ogni ciotola è piena di luce lunare. Ricordalo quando ti sveglierai di notte. L’amore è come la luna in quelle ciotole d’acqua: è ovunque. I tuoi brutti sogni nascono dalla paura e dalla tristezza che ti porti dentro. È tempo di lasciarli andare. L’amore e il coraggio sono più forti di queste cose. È solo quando lasci andare la paura e il dolore che puoi trovare la libertà di essere coraggiosa e di amare pienamente.>>’

Ringrazio la Casa Editrice per la copia del romanzo

Per acquistare il libro cliccate sul link in basso

BLOG Recensioni