piccolo estratto del romanzo “La piccola casa sul lago”

“È iniziato un paio di mesi fa, e in parte per caso. Me lo ricordo come se fosse una giustificazione. Come se facesse la differenza. Stavo lavando dei bicchieri da vino di cristallo, quelli che non affiderei mai alla donna delle pulizie, e uno mi è scivolato rompendosi in mille pezzi nel lavello, e una scaglia di cristallo mi ha ferito il palmo. Ho osservato il sangue sgorgare dalla ferita a forma di mezzaluna, il sangue rosso cremisi;e in quel momento dentro di me si è allentato qualcosa, liberandosi. (…)
Onestamente non so perché mi fa questo effetto positivo :il dolore fulmineo e acuto, il sangue che sgorga, una linea cremisi che si staglia sulla mia pelle pallida. (…)
Ho bisogno di questo, so che è stupido e sbagliato, ma ne ho proprio bisogno. Premo il pollice sulla ferita per assorbire il sangue per calmare il mio respiro accelerato. Cerco di non pensare a quanto sia brutto tutto ciò, a quanto dovrei sentirmi ‘malata’.

cartaceo

Ebook, offertissima solo a o,99 centesimi 

Share

Jenny Citino è la curatrice del blog letterario "Librichepassione.it" Amante della lettura sin da bambina, alterna questa sua passione con la musica classica, il giardinaggio e la pratica dello Yoga.

You may also like...

error: Testi e foto ©librichepassione.it